Hacker: condannato il corsaro gentiluomo

Hacker: condannato il corsaro gentiluomo

Twitter frode informatica

François Cousteix è un giovane ragazzo ventiquattrenne francese che lavora come insegnante in corsi professionali di elettronica e che ha raggiunto un’inaspettata notorietà dopo essere stato sorpreso ad effettuare accessi non autorizzati su account Twitter di importanti personaggi, tra i quali il Presidente degli Stati Uniti Barack Obama, l’attrice Lindsay Lohan e le cantanti Britney Spears e Lily Allen. L’intrusione non ha però messo in pericolo le informazioni degli utenti e non è stata effettuata alcun tipo di operazione che potesse arrecare loro danni.

Il tribunale penale di Clermont-Ferrand lo ha però ritenuto colpevole di frode informatica e lo ha condannato, pur con tutti i benefici di legge, ad una pena superiore a quella richiesta dalla pubblica accusa. Etichettato dalla stampa inizialmente come cracker e poi come hacker, Cousteix si è più volte definito semplicemente come un corsaro gentiluomo.

Egli infatti ha specificato che tutte le intrusioni sono state realizzate attraverso una semplice raccolta delle informazioni presenti in Internet e la sua azione aveva lo scopo di dimostrare la scarsa sicurezza informatica dei sistemi. Tuttavia la giustificazione non sembrerebbe aver confinto giudici e giuria che hanno quindi spinto il processo verso una condanna di 6 mesi.

In passato lo stesso utente era stato condannato ad otto mesi di reclusione per pirateria informatica per aver compiuto operazioni illecite nei confronti di siti dedicati al gioco d’azzardo.

286

Segui Trackback

Gio 08/07/2010 da in ,

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
MaoMaoVero 9 luglio 2010 09:37

Lui lo ha dimostrato e voi continuate ad usare certi siti. Ad esempio facebook non lo capisco….

Rispondi Segnala abuso
Seguici