Google Android questa volta sotto accusa da Britsh Telecom

Google Android questa volta sotto accusa da Britsh Telecom

android british

Nuova accusa di violazione brevetti per Google Android, noto e in costante crescirta sistema operativo per dispositivi mobili che si trova a difendere ancora una volta la propria posizione di fronte a richieste di spiegazioni, cioè di danni, nei confronti di chi rivendica diritti su tecnologie utilizzate, pare impropriamente, dal software. A puntare il dito questa volta verso Mountain View è British Telecom che denuncia come il robottino verde stia usando improriamente licenze su varie parti del sistema operativo.

Che Android sia una gallina dalla uova d’oro è un fatto, che aziende anche di dimensioni importanti, siano propense a voler parte della torta è una evidenza fin troppo chiara ma se sono dalla parte della ragione allora è anche giusto. La denuncia che British Telecom ha presentata presso la Corte del Delaware (Stati Uniti) riguarda diversi aspetti del sistema operativo, a giudicare dall’elenco anche troppi ma in effetti sarebbero diversi i brevetti violati.

Dallo strumento di ricerca sul web ai servizi di geolocalizzazione, dal tool per la riproduzione di brani musicali al servizio Google Maps e persino Google+ social network made in Google che in effetti con Android a che vedere relativamente poco se non per il fatto che esiste sotto forma di applicazione. Vari fronti per varie tecnologie impropriamente utilizzate come un sistema per la rilevazione di informazioni durante la navigazione assistita, uno per la raccolta di dati per fornire servizi legati alle reti disponibili e diverse altre funzionalità che la società statunitense annovera tra le feature del proprio sistema operativo e apparentemente di proprietà di British Telecom.

Di certo Google non è nuova di queste situazioni e Android ormai ha le spalle larghe in fatto di “difesa da accuse” di questo genere, c’è il problema che se la situazione dovesse essere come indicata da BT Google si troverebbe nella posizione di dover pagare l’utilizzo dei brevetti o rimuoverli dal sistema operativo, in questo caso non sono quantificabili i problemi e cambiamenti che il robottino potrebbe subire. ma per questo bisogna senza dubbio attendere l’evolversi di questa nuova telenovela informatica.

418

Segui Trackback

Mar 20/12/2011 da

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Seguici