Ballot Screen odiato dai piccoli browser

Ballot Screen odiato dai piccoli browser

Windows Ballot Screen

Alcuni produttori di software per la navigazione meno conosciuti, si sentono discriminati rispetto ai browser più diffusi, soprattutto adesso dopo l’implementazione del famoso Ballot Screen avviata dalla Microsoft. Sembrerebbe infatti che l’ordine di visualizzazione non sia esattamente casuale, ma i software sono suddivisi in due categorie ovvero quelli più diffusi, che compaiono tutti in una prima schermata, e poi quelli meno diffusi. Tale polemica è stata diffusa dopo il rilascio della versione definitiva del ballot screen scaricabile tramite Windows Update.

I produttori dei browser Maxthon, SlimBrowser, Avant, Flock, Sleipnir e GreenBrowser hanno quindi inviato una petizione a Neelie Kroes, vicepresidente della Commissione Europea, perché si sentono ingiustamente discriminati rispetto ai software decisamente più diffusi e che quindi incrementeranno ulteriormente il proprio range di utenza a discapito dei più piccoli.

La società di Steve Ballmer, leader nel settore dei sistemi operativi, ha spiegato che lo scopo della Microsoft non è certamente quello di informare gli utenti su tutti i browser esistenti, ma semplicemente fornire loro una scelta quanto più imparziale possibile. L’azienda ha inoltre confermato la sua totale intenzione di non modificare in alcun modo la schermata.

Secondo l’Unione Europea, i firmatari avrebbero dovuto avanzare le proprie rimostranze a suo tempo, quando la proposta del ballot screen così com’è ora è stata resa pubblica e da due di essi approvata.

292

Segui Trackback

Sab 06/03/2010 da in ,

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Seguici