Adobe lancia Acrobat.com e sfida Google Docs

Adobe lancia Acrobat.com e sfida Google Docs
  • Commenta
  • Condividi
  • Email
  • Stampa

acrobat office

A quanto pare un nuovo giocatore è entrato nell’arena delle suite per ufficio online, e si tratta di una grossa corporation: parliamo di Adobe, che ha appena varato il suo nuovo progetto Acrobat.com, seppure si tratti ancora di una fase di beta aperta al pubblico.

  • acrobat pagina iniziale
  • buzzwords
  • connect
  • myfiles

Mentre Google (come hanno fatto in misura minore i suoi rivali ThinkFree e Zoho) ha cercato sin dall’inizio di emulare e sostituire il Golia della produttività “tradizionale”, ovverosia Microsoft Office, la Adobe ha pensato bene di dedicare le sue forze ad integrare fra loro gli strumenti a sua disposizione, e di appoggiarsi sul concetto di “cloud”, cioè le funzioni di collaborazione online. Questo lo fa anche Google Documenti, chiaro, ma va detto che in Acrobat.com la collaborazione è il perno attorno al quale l’applicazione ruota, sempre ben sfruttabile e integrata in ciascuno degli strumenti, dove non occupa direttamente il centro del palcoscenico (vedi più sotto ConnectNow).
L’interfaccia è molto bella da vedere, spettacolare ma senza alcuna confusione, e ovviamente utilizza Flash in modo massiccio invece dell’Ajax.
Ma vediamo assieme qualche dettaglio:

  • Buzzword: acquistato dalla Adobe circa un anno fa, questo word processor online è semplice e facile da usare, e sembra fatto apposta per creare .pdf. Si tratta di un’esperienza di reale WYSIWYG, che si adatta al vostro schermo indipendentemente dalle dimensioni. Come detto sopra, il fulcro è la collaborazione, con diversi gradi di permessi assegnabili a ciascun collega, e la possibilità di inserire commenti (visionabili tramite il tab apposito). Comoda anche la regolazione dell’impaginazione dell’articolo, e l’inserimento delle immagini. Una pratica funzione di cronologia stile Photoshop vi permette anche di vedere le varie versioni precedenti a quella attuale.
  • ConnectNow: forse il tool più rivoluzionario della suite, si tratta di un servizio di comunicazione e collaborazione, utile per fare da lavagna e software per le teleconferenze fra più utenti. Offre la possibilità di condividere lo schermo, prendere note, chattare e comunicare tramite video e VoIP. Una caratteristica purtroppo piuttosto limitante è il basso numero di utenti a cui è concesso di connettersi: solo tre per il momento, cosa che rende difficile pensare di sostituire con questa alternativa gratuita i servizi a pagamento già esistenti.
  • Create PDF: inevitabile in un prodotto Adobe, è purtroppo molto scarno, e serve solo a creare .pdf dai vostri file, ma è limitato a solo 5 per utente. Poi, cosa poco simpatica, vi chiede di comprare il nuovo Acrobat 9.
  • Share: come dice il nome, serve a condividere file con gli altri, sostituendosi alle email e quindi agli allegati pesanti. Supporta un buon numero di formati che saranno consultabili via streaming, a partire dal .pdf fino ai video, ed ovviamente continua a supportare le funzioni di collaborazione proprio del resto della suite. E’ anche possibile incapsulare file e documenti trasferiti sulla piattaforma all’interno di altri siti.
  • MyFiles: un servizio di hosting per i vostri documenti, con 5GB di spazio. Offre anche una pratica funzione di browsing con vari filtri, utile a non perdere mai nulla.

Conclusioni
Si tratta di una beta molto interessante, purtroppo non ancora tradotta nel nostro linguaggio (e quindi ancora piuttosto inutile a noi italiche genti). Con il passare dei mesi verranno introdotte le funzioni mancanti affinché si possa dire davvero che si tratti di una suite per la produttività, come i fogli di calcolo oppure le presentazioni stile PowerPoint. Io mi attendo anche un’integrazione con l’altro prodotto online del nuovo corso di Adobe, cioè Photoshop Express.
Al momento, Acrobat.com è gratuito, anche perchè sta vendendo ancora perfezionato. Sono certo però che verranno offerti dei piani premium a pagamento assai presto (altrimenti non mi spiego quella caricatura di programma di conversione in .pdf!)

743

Fonte | Mashable!

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

Mar 03/06/2008 da in , ,

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Seguici