Windows 7 gira anche sui Mac di Apple

Il colosso di Redmond spera di trovare, nel nuovo sistema operativo, la chiave di volta per superare il brutto periodo successivo al Windows Vista.

Microsoft ha recentemente lanciato Windows 7 attraverso il quale spera, non solo di riportare a se l’utenza persa con il precedente operating system, ma di catturare l’attenzione degli utenti Apple che potrebbero avere la possibilità di provare il nuovo sistema senza cambiare hardware.
 
Apple starebbe per rilasciare l’aggiornamento di Boot Camp, una pratica utility che permetterà di eseguire in dual boot Mac OS X e Windows Seven. Esistono tuttavia diverse possibilità di implementare il nuovo Windows Sette su un dispositivo Mac anche senza il supporto della preziosa applicazione.
 
Apple rilascerà la nuova versione del Boot Camp solo entro la fine dell’anno e non sarà disponibile per tutti i Macintosh probabilmente, secondo i più maliziosi, per non dare a tutti gli utenti la possibilità di sfruttare il nuovo sistema che Steve Ballmer definisce sorprendente.
 
Fonti non ufficiali affermano che restano escluse tutte le macchine costruite nell’anno 2006, ovvero tutti i Mac Intel di prima generazione. Per gli utenti più interessati su Internet si trovano diverse informazioni su come è possibile installare sistemi di Redmond in macchine di Cupertino.

I commenti sono chiusi.

Impostazioni privacy