Google Chrome punta alla programmazione C e C++

Google Chrome C C++
Il colosso di Mountain View ha deciso di concentrare le sue energie sullo sviluppo della tecnologia Native Client per Chrome che offre la possibilità ai numerosi sviluppatori di far girare codice nativo in C o C++ all’interno del suo browser. Il nuovo Native Client SDK è adesso disponibile in una developer preview che comprende un compilatore per GCC ed un insieme delle più diffuse librerie open source, come zlib, Lua e libjpeg. Tale operazione potrebbe certamente incentivare gli sviluppatori a realizzare applicazioni per il browser di Google.

Il senior software engineer David Springer, ha spiegato come il codice C/C++ sia perfettamente in grado di girare in Chronium, ovvero l’innovativo progetto open source all’interno del quale viene sviluppato Google Chrome ed attraverso il quale vengono periodicamente rilasciate le famose versioni preliminari del software per la navigazione Internet.
 
Il Native Client è una particolare tecnologia che consente alle web application di eseguire codice nativo direttamente sul browser, superando così le fastidiose limitazioni tipiche di JavaScript e degli altri linguaggi interpretati, accedendo in modo più diretto alle risorse hardware. Tuttavia sono in molti gli esperti che si dimostrano scettici di fronte a questa scelta.
 
In particolare mentre il codice JavaScript risulta compatibile con qualsiasi piattaforma, il nuovo NDK sarebbe utilizzabile solo dal browser del BigG e incredibilmente legato al framework su cui poggia Chrome.

Impostazioni privacy