Banda larga: Scajola rilancia

Il Ministro per lo Sviluppo economico chiede al governo di modificare la decisione inerente lo stanziamento dei fondi per la banda larga.

In occasione dell’ultimo Cipe, il Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica, il ministro Claudio Scajola ha consegnato a Silvio Berlusconi la richiesta di avvio di alcuni progetti per i quali sono già state stanziate le dovute risorse.
 
Tra questi sembrerebbe esserci il progetto della banda larga, per il quale il governo aveva bloccato i fondi suscitando dure critiche sia da Confindustria che dal popolo di Internet. Secondo quanto riferito da Scajola, un tale investimento porterebbe nell’immediato circa 50.000 posti di lavoro.
 
L’obiettivo principale del ministro sarebbe quello di avviare tutto un insieme di attività al fine di accelerare sugli investimenti e sull’occupazione. Il Ministro sostiene che la diffusione della banda larga possa effettivamente dare un forte contributo nella ripresa.
 
Nel web è possibile leggere milioni di commenti relativi alla vicenda, quasi tutti concordi sullo sviluppo delle connessioni ADSL. Nei forum c’è addirittura chi si chiede come mai in Italia si spendono tanti soldi in attività di dubbia utilità e poi si risparmia su quello che può realmente rappresentare la svolta.

Impostazioni privacy