PlayStation 3: Sony non rimborsa sull’aggiornamento

PlayStation 3: Sony non rimborsa sull’aggiornamento

Sony OtherOS PlayStation 3

La Sony ha annunciato che non effettuerà alcun rimborso in seguito al rilascio del famigerato firmware 3.21 che impedisce l’installazione di un ulteriore sistema operativo sulla celebre console. La compagnia giapponese ha dichiarato che rimarrà isolato il caso che ha visto l’utente Iapetus, moderatore del forum NeoGAF, chiedere un rimborso ad Amazon per aver rimosso la tanto apprezzata funzionalità OtherOS. La società fondata da Masaru Ibuka ha inoltre fermamente dichiarato di non aver violato alcuna legge.

David Wilson, addetto alle pubbliche relazioni della Sony Corporation, ha confermato la decisione dell’azienda nonostante la direttiva europea 1999/44/EC che stabilisce esplicitamente che tutti i beni in vendita debbano essere conformi alla descrizione fatta dal venditore. Le modifiche successive non possono essere ammesse.

Wilson ha però precisato che nel contratto di acquisto, accettato dall’utente al momento dell’utilizzo della PlayStation 3, è specificato che il design e le specifiche del prodotto sono soggette a cambiamento senza notifica pertanto la Sony è in potere di aggiornare e modificare software e servizi offerti senza incorrere in alcuna sanzione.

Intanto gli utenti promettono battaglia poiché la possibilità di installare un ulteriore operating system è da considerarsi come un forte incentivo all’acquisto della PlayStation piuttosto che della Xbox 360.

261

Segui Trackback

Dom 18/04/2010 da in , ,

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Leonardo 18 aprile 2010 22:14

E’ da quando sono bambino (e non sono più un ragazzino da un po’) che sui libretti di accompagnamento e/o sulle garanzie c’è scritto che il produttore si riserva modifiche senza avviso.
Non sono un avvocato, ma credo che la normativa Europea, essendo del 1999, miri proprio ad evitare questa possibilità, e quindi la dizione incriminata non dovrebbe poter fungere da escamotage per bypassare la direttiva medesima.

Rispondi Segnala abuso
Seguici