Le stampanti danneggiano i polmoni

Le stampanti danneggiano i polmoni
  • Commenti (1)
  • Condividi
  • Email
  • Stampa

stampanti inquinanti

Da uno studio di ricercatori australiani è emerso che le stampanti da ufficio sono pericolose per la salute dei nostri polmoni.
I test sono stati condotti dalla Queensland University of Technology, all’interno del loro laboratorio per la Qualità dell’Aria e della Salute e i risultati sono stati pubblicati sulla rivista della American Chemical Society.
Sono state analizzate dozzine di stampanti laser ed è emerso che quasi il 30% sprigiona nell’aria livelli potenzialmente pericolosi di materiale dal toner.

Le polveri ultra sottili emesse possono filtrare nei polmoni e a lungo andare potrebbero recare danni paragonabili a quelli del fumo di sigarette.
Il problema maggiore deriva dalla dimensione di queste polveri, che essendo così sottili possono penetrare in profondità.
Lo studio è stato condotto in uffici open space e si è visto che durante le ore di lavoro le percentuali polveri sono 5 volte superiori.
Si è visto anche che il contenuto di particolato sprigionato aumenta quando il toner è nuovo e quando vengono stampati grafici e immagini, che richiedono maggiori quantità di inchiostro.
Anche in ufficio con le mascherine? Credo sarebbe un po’ come la bustina di dolcificante nel caffè assieme ad un bombolone alla nutella per colazione.
I risultati di questa ricerca però mettono in evidenza la necessità di prendere qualche misura nei confronti delle emissioni interne, oltre a quelle esterne che già sono regolate per legge.
Per ora teniamo le finestre aperte per assicurare un buon ricambio d’aria, con altra buona aria proveniente dalla strada. ;)

279

Fonte | TheSidneyMorningHerald

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

Mar 31/07/2007 da in , , ,

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Andrea Felicani 5 agosto 2009 16:24

In effetti questo non è l’unico studio esistente che ha portato a questa constatazione. Anche qui in Europa alcuni laboratori di ricerca sono stati interessati ad operare un’indagine al fine di stabilire quanto particolato (PM) si diffonda nell’ambiente di lavoro, proveniente dalle emissioni delle ventole di raffreddamento delle stampanti o copiatori laser. Tant’è che già da 1 anno a questa parte sono comparsi i filtri da applicare proprio in corrispondenza dell’uscita di raffreddamento. Due aziende si sono date da fare nelle ricerche e relative soluzioni proponendo entrambe dei filtri che arrivano fino alla raccolta e bloccaggio di almeno il 93% di queste particelle. I nomi dei filtri sono Dexwet o MiconAir. Entrambe le aziende sono tedesche ed hanno già ricevuto il benestare del BAM di Berlino e dell’LGA di Norimberga.

Rispondi Segnala abuso
Seguici