Le notizie su Twitter si possono condividere? Il caso Goria

Le notizie su Twitter si possono condividere? Il caso Goria

twitter fabrizio goria reuters

Le notizie su Twitter di solito diventano oggetto di condivisione fra gli utenti, i quali amano far partecipi gli altri utenti delle informazioni più curiose o più interessanti che trovano in giro per la rete. Ma forse non è così facile come può sembrare. Ci siamo mai chiesti se è lecito retwittare le notizie su Twitter? A farci riflettere sulla questione è il caso del giornalista economico Fabrizio Goria, che Reuters ha chiamato in causa con la minaccia di azioni legali, se egli non avesse smesso di ritwittare le notizie pubblicate dall’agenzia.

Il caso crea parecchi dubbi e perplessità, perché molti giornalisti condividono su Twitter le notizie in tempo reale. D’altronde esiste una particolare differenza fra il pubblicare una notizia su un giornale e una su un social network? Secondo ciò che ha dichiarato Reuters, i giornalisti non avrebbero la possibilità di riportare su Twitter le anticipazioni che vengono comunicate agli abbonati, nemmeno se viene citata la fonte.

Ma nemmeno le notizie disponibili sul sito in modalità free possono essere riportate sul sito di micro blogging. Da parte sua Goria ha dichiarato che il contratto che ha stipulato con Reuters non prevede limitazioni per i social media.

Si apre così un dibattito sulla comunicazione in rete e in particolare sull’informazione sui social network che pone questioni piuttosto complesse da risolvere. Esiste un copyright sulle notizie? Ci sono delle limitazioni per quanto riguarda i canali di diffusione? La Reuters adesso si è scusata, lo ha affermato lo stesso Fabrizio Goria su Twitter, ma la questione della diffusione di informazioni sulle reti sociali resta comunque aperta.

312

Segui Trackback

Gio 23/02/2012 da in , , ,

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Henrique 19 maggio 2012 05:34

A nicolapoletti 4 novmbere 2011 at 18:16La mia colpa e8 quella di non riuscire a farmi capire (o quelli che leggono non vogliono capire).Come me ha fatto anche tuo nonno e tuo padre. Sono pronto a fare un confronto diretto.Eravamo tutti poveri, uscivamo dalla sconfitta in guerra, le citte0 distrutte, la borsa nera, il brigantaggio. Mangiavamo carrube e fichi secchi.I governi di allora a poco a poco, attraverso il grande esodo sud-nord e non solo ma anche verso Germania, Belgio, Venezuela, Australia, nordamerica (non ancora la Cina, ma sare0 per quelli di dpo come te) e legge dopo legge, debito su debito, aumentando a dismisura il pubblico impiego MI hanno arricchito.Ma solo me? No. Hanno arricchito tutti.Come pensi che si sia arrivati ad andare tutti in ferie? che l’80% sia proprietario di case?IO DOVREI RESTITUIRE?Devono restituire tutti, a cominciare da D’Alema, Bersani che suo padre era un meccanico di Bettola, Di Pietro contadino a Montenero, Michele Santoro figlio di ferroviere e, naturalmente, anche Berlusconi che da ragazzino appollottolava la carta raccolta per strada e la vendeva per fare il fuoco nella stufa, anche Carlo De Benedetti e, chisse0, anche Luca Cordero del paese di Montezemolo. Sicuramente l’Ing. Enzo Ferrari del quale immeritatamente ha preso il posto.Pensaci un attimo.Magari le cose si mettessero a posto con la mia restituzione.Io ho voluto parlare in prima persona per riprodurre in offsetr la posizione di TUTTI GLI ITALIANI E FORSE DI TUTTI GLI OCCIDENTALI.

Rispondi Segnala abuso
Seguici