Ingannare il sistema di identificazione audio di YouTube

Ingannare il sistema di identificazione audio di YouTube

youtube elimina l’audio

Recentemente ho avuto il piacere di leggere un lungo, dettagliato articolo su una serie di esperimenti che riguardavano il maledetto sistema di riconoscimento dei contenuti audio protetti di YouTube, quello che ammutolisce i video. Purtroppo, non mi è stato possibile individuarne l’autore, ma i contenuti sono molto interessanti, ed a tratti sorprendenti.

Come probabilmente saprete (sempre che siate degli aficionados di YouTube), le Major hanno fatto tanta pressione su Google da costringerlo a passare ad armi “belle pesanti”, in fatto di difesa dei materiali coperti da copyright. Dove prima bastava la classica lettera di diffida e la rimozione manuale, ora il quantitativo di utenti, e soprattutto di filmati giudicati (spesso infondatamente) malandrini è ben al di là di quanto potrebbe gestire un sistema manuale.

E qui è entrato in scena il fastidiosissimo sistema di identificazione dei contenuti coperti da copyright automatico che tanto ci tormenta. Un tempo eliminava semplicemente i video, ma al giorno d’oggi fa qualcosa anche di peggiore: li ammutolisce qualora usino una canzone coperta da copyright, e lo fa automaticamente, senza aiuto da parte di un essere umano. Semplicemente compara il brano da voi utilizzato come colonna sonora per il vostro video con più o meno qualsiasi traccia esistente nei suoi archivi, e se trova che le “impronte digitali” combaciano, elimina l’audio. A dire il vero alcune label sono meno draconiane: se loro materiale viene identificato non lo ammutoliscono, ma iniziano automaticamente a fornire link per esso, creando un circolo pubblicitario virtuoso e lasciando in pace gli utenti.

Altri non sono così simpatici, anzi, sono stupidi e miopi, e disturbano la vita agli utenti, magari rovinando per sempre un video vecchio, di cui si è perso l’originale, e che non si può sistemare. In effetti se all’interno di un vostro filmato viene trovato un brano proibito, esso viene ammutolito completamente, e per sempre, anche se il brano dura pochi secondi!

L’esperimento: come si può ingannare Il Sistema?
L’autore (o autrice) dell’articolo suddetto ha cercato di trovare una maniera per capire come si può aggirare questa violenta, rapidissima e bullesca tattica di YouTube. Purtroppo le cose non sono molto facili. Per riassumervi un discorso molto lungo questo è il metodo seguito: è stato creato un account fittizio di YouTube, è stato scelto un brano (orrendo) e sono stati uploadati numerosissimi video di esso. Ciascuno di essi era stato modificato in qualche maniera:

  • E’ stato tagliato all’inizio o alla fine (o a metà).
  • E’ stato distorto.
  • E’ stato rielaborato con qualche filtro.
  • E’ stato aggiunto rumore bianco.
  • E’ stato amplificato.
  • Sono stati inseriti rumori ambientali.
  • Manipolazioni dei canali stereo.

Inutile descrivere dettagliatamente il risultato di ogni esperimento. E’ sufficiente dire che la stragrande maggioranza delle modifiche lievi sono state insufficienti ad impedire a YouTube di fare il suo sporco lavoro. Certo, invertire la musica non la fa riconoscere a YouTube, ma neppure a voi :D.

L’algoritmo si è rivelato confuso di fronte ai rumori ambientali, ma questo vuol dire più che altro che certe volte riconosceva la canzone, e certe altre no. Un’altra cosa che non è capace di fare è capire di che brano si tratta se vengono eliminati i primi 30 secondi, evidentemente piuttosto importanti per esso. Il rumore bianco non lo manda in crisi, invece, e neppure i cambi all’amplificazione. Quasti tutte le modifiche, quindi, devono essere drammatiche e rovinano la canzone. Tutte tranne una.

La soluzione?
Aumentare del 5% la velocità del brano. Potrebbe sembrare folle, ma la cosa ha ben due caratteristiche che potremmo definire come dire… Molto interessanti:

  • YouTube non riconosce più le canzoni aumentate di velocità del 5% o più, nè rallentate del 4% o oltre.
  • Il nostro orecchio, salve casi particolari, non si accorge della differenza.

Il secondo punto potrebbe essere difficile da credere. Come è possibile? Posso farvi un esempio pratico, riprendendolo dall’articolo in questione: i film americani sono girati ad una velocità diversa rispetto ai nostri televisori PAL, eppure vengono trasmessi in tutta Europa, pur con un’aumento di velocità del 4% circa. Chiaro, da noi in Italia generalmente la cosa si sente poco: tutti i film trasmessi in Italia sono ridoppiati, ma nel resto del continente dove per la maggior parte si aggiungono i sottotitoli e basta, nessuno si è mai lamentato.

E se volete delle prove, ecco qui un paio di canzoni la cui velocità è stata aumentata del 5%. Se siete capaci di riconoscere la differenza, o siete dei tecnici del suono oppure sono le vostre preferite!

Insomma, se volete inserire un brano coperto da copyright nei vostri video, aumentatelo di velocità del 5%. Almeno per ora, è al sicuro… Chissà se durerà!

891

Segui Trackback

Mer 22/04/2009 da in

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
isaac
Isaac 22 aprile 2009 22:22

bello questo articolo,mi è capitato che anche facebook mi ha censurato un video potretto da copyright…
ma ti voglio chiedere una cosa che pogramma usi (o ha usato l’autore dell’articolo) per aumentare/diminuire la velocità del brano???

Rispondi Segnala abuso
rammit
Rammit 22 aprile 2009 23:33

credo sia più che sufficiente Audacity… Dovrebbe avere tutto il necessario! E’ gratuito ed open source.

Segnala abuso
isaac
Isaac 23 aprile 2009 14:25

ok,grazie mille

Rispondi Segnala abuso
30 aprile 2009 20:44

ho provato ad aumentarlo del 5% ma lo ha riconosciuto lo stesso…. -__-

Rispondi Segnala abuso
Giuseppe 10 maggio 2009 13:07

scaricare video da you tube

Rispondi Segnala abuso
Help 22 dicembre 2009 11:37

Ciao, ho trovato il programma Audacity, però quando inserisco in video e faccio play, l’audio va velocissimo (4 min. diventano due sec.).
Pui spiegarmi come posso ad aumentere o diminuire la velocità? ho cercato aiuti in giro ma non ho trovato nulla! Grazie!

Rispondi Segnala abuso
Mendoza120 7 marzo 2010 01:43

Ciao Help, con Audacity devi selezionare l’intera traccia interessata, andare su “effetti” e poi cliccare su “cambia tempo” ed impostare su percentuale di cambiamento, la percentuale di velocità che vuoi boostare alla tua traccia..(es, vuoi aumentare solo del 5% la velocità? inserisci 5,000 nella stringa apposita..

Segnala abuso
Mendoza120 7 marzo 2010 01:38

Gran bell’articolo! Dopo averlo letto, è stato il mio principale spunto nei tentativi di eludere il copyright di YouTube (corrispondenze ID di video protetti) ed il mio ottimo risultato è stato questo: http://mendoza120.blogspot.com/2010/03/come-eludere-superare-aggirare-il.html
Ma penso non sia finita qui…possiamo fare molto di più, me lo sento… >;-)

Rispondi Segnala abuso
19 settembre 2010 13:30

parlando di video, invece, ho fatto di tutto per evitare il controllo del copyright.
Volevo inserire su youtube un video di snowboard tratto da un film intitolato “that’s it that’s all” e ho realizzato un video rieditato prima eliminando l’audio originale, poi tagliando alcune scene e mandandone alcune a velocità ridotta o con colori sfalzati, ho inserito degli spazi vuoti con sfondo nero e in alcuni punti anche pezzi di altri video che riprendevano per esempio le montagne o il cielo.

ha funzionato per un po’, il video l’ho aggiunto a maggio e aveva raggiunto 2500 visualizzazioni poi è stato bloccato.

ca**o era venuto fuori un bel video! maledetto copyright! non avevo mica ppubblicato tutto il film! non capisco perchè diavolo non posso mettere su internet un re-edit di un flilm così bello postando le scene più emozionanti!

Rispondi Segnala abuso
Waiting7up 25 luglio 2011 20:55

bell’articolo interessante, sistema efficace, ma a dir la verità, non per essere pignolo, ma la differenza si sente..infatti si sente come si sente nei film americani, si sente che il brano è leggermente più alto di tono!
Ma al momento sembra essere l’unica soluzione….o meglio l’unica soluzione (e youtube andrebbe a *******) sarebbe una chiusura di massa da parte nostra dei nostri account di youtube!!!

Rispondi Segnala abuso
Carlo 6 maggio 2012 09:46

è un problema che tocca quasi tutti questo. L’alternativa più semplice è di incorporare sui propri filmati della musica senza diritti d’autore, ma lo facciamo in pochi per molti motivi, non da ultimo perché non la conosciamo e perderemmo molto tempo a ricercare il brano giusto quando già ne abbiamo in mente uno appropriato ma illegale.
Per il resto io ho notato che alcuni miei video (viaggi in moto) con sottofondo ambientale frammisto a musica non sono stati bloccati mentre altri senza rumore di fondo sì. Per contro il metodo di cambiare velocità o ritmo presuppone suppongo un programma apposito e saperlo usare quanto basta. Va bene per i filmati ancora da farsi, un po’ meno per quelli già pubblicati che andrebbero “rimusicati” tutti.
Comunque grazie per le info!

Rispondi Segnala abuso
Seguici