Connessione adsl, quanto conviene cambiare provider?

Connessione adsl, quanto conviene cambiare provider?
  • Commenta
  • Condividi
  • Email
  • Stampa

connessione adsl cambiare provider

Se disponiamo di una connessione adsl, forse potrebbe venirci in mente l’idea di cambiare provider, sperando di poter mettere in atto anche un vero e proprio risparmio di denaro. Ma quanto si risparmia nei fatti cambiando provider? L’osservatorio SosTariffe si è occupato dell’argomento e ha messo in risalto che si può arrivare a risparmiare anche più di 400 euro, soprattutto se scegliamo una promozione adsl della durata di due anni. Spesso gli utenti non si fidano, anche perché hanno a disposizione una serie di prezzi e di offerte molto complicata e non è facile orientarsi.

L’indagine portata avanti da SosTariffe ha avuto l’obiettivo di riuscire a capire quanto si può risparmiare cambiando operatore, ma mantenendo sempre lo stesso tipo di offerta. Per esaminare meglio la situazione sono state prese in considerazione quattro tipologie di connessione ad internet: adsl naked, adsl senza telefono, adsl più telefonia a 7 e a 20 mega.

I risultati migliori sono stati quelli raggiunti dall’adsl insieme al telefono ad una velocità di 20 mega della durata di due anni. Si è visto che in questi casi gli utenti possono risparmiare fino a 402 euro.

Come ha spiegato l’amministratore delegato di SosTariffe, Alberto Mazzetti, “L’avanzare della tecnologia continua a permettere un miglioramento delle performance contestualmente a una diminuzione della spesa per la connessione internet da rete fissa. Inoltre le più recenti promozioni permettono di risparmiare cifre molto considerevoli nell’arco di due anni“.

Le tariffe adsl in un confronto tra migliori abbonamenti hanno permesso di appurare che conviene cambiare provider soprattutto per le tariffe con velocità a 7 mega, per arrivare ad ottenere, dopo il primo anno di passaggio, un risparmio massimo di 332,4 euro.

Al di là di tutto, quindi, è proprio questa tipologia di adsl che consente un maggiore risparmio medio mensile. L’adsl italiana rimane la più costosa d’Europa, ma, nonostante questo, sono molti ormai gli Italiani che non riescono più a fare a meno di internet veloce e, specialmente in questi ultimi tempi, le connessioni adsl si sono molto diffuse: le abitazioni che dispongono di una connessione internet a banda larga oggi rappresentano il 52% del totale.

Un grande passo avanti, se pensiamo che nel 2005 eravamo ancora al 13%. Nel 2012 soprattutto si è potuto constatare che c’è stato un passaggio molto ampio verso la velocità a 20 mega, anche se i profili più venduti rimangono quelli che prevedono l’adsl con velocità a 7 mega.

457

Condividi questo articolo con i tuoi amici di Facebook

Gio 21/06/2012 da

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Seguici