Battiato, Bocelli, Celentano e Ligabue contro la Siae

Battiato, Bocelli, Celentano e Ligabue contro la Siae

SIAE

Tre importantissimi famosi cantautori italiani sono i firmatari di una lettera aperta contro l’ente preposto alla protezione e all’esercizio dei diritti d’autore.

Sono in molti a considerare la Società Italiana Autori ed Editori un ente inutile e che propongono di abolirla. Oltre agli appassionati di musica, la richiesta è arrivata anche dalla Corte di Giustizia Europea e dalla Corte di Cassazione italiana, le quali sono però state sempre ignorate.

Adesso all’appello si uniscono anche nomi illustri della musica italiana, quali Franco Battiato, Andrea Bocelli, Adriano Celentano e Luciano Ligabue, i quali hanno firmato una lettera nella quale si denunciano i numerosi malfunzionamenti dell’ormai costosissimo ente.

In particolare viene messa in discussione la serietà della società che, guidata da vertici non appartenenti alla base associativa, molto spesso dirottano gli utili alla copertura delle perdite di gestione invece che degli autori. Anche Facebook si è movimentata attraverso gruppi legati all’iniziativa.

In particolare gli utenti lamentano l’eccessivo costo per l’acquisto di CD musicali, ai quali molto spesso si preferisce l’utilizzo di programmi dedicati al file sharing per il download di brani mp3. Secondo un’indagine eseguita alcuni mesi fa, il 76% del bilancio SIAE è servito per coprire i costi del personale, costi che ammontano a 193 milioni di euro all’anno.

272

Segui Trackback

Lun 30/11/2009 da in , ,

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
6 dicembre 2009 16:18

era ora !!!!!!!!!!

Rispondi Segnala abuso
6 dicembre 2009 16:23

tra i malfunzionamenti ci sono i sistemi e costi dei concertini dal vivo,dove si paga tantissimo, e gli autori non prendono quasi niente.

Rispondi Segnala abuso
Seguici